News

Contatto con gli Onorevoli Vitta e Gobbi

Sabato 21.03, in seguito alla conferenza stampa del Consiglio di Stato, il nostro presidente Paolo Thoma si è messo in contatto con gli Onorevoli Vitta e Gobbi chiedendo che il nostro settore di attività venisse riconosciuto come uno di quelli che può continuare ad operare nel rispetto delle norme igieniche accresciute e di distanza sociale.

Domenica 22.02 il Consiglio di stato ci ha comunicato che:
“Gli organi preposti al controllo sono stati formati e informati del fatto che gli interventi volti a garantire l'igiene e la pulizia di luoghi pubblici o di spazi comuni sono permessi.”

Ciò premesso richiamiamo comunque il rispetto delle direttive emanate dal nostro Consiglio Federale e ribadite dal Consiglio di Stato Ticinese e vi ringraziamo per voler dare prova del senso civico di tutti gli operatori della nostra professione. Vi consigliamo, laddove possibile, di voler rinunciare a quelle attività non strettamente indispensabili.

Con il buon senso riusciremo a proteggere la salute sia dei nostri collaboratori che dei nostri clienti.

Per ogni dubbio dovesse sorgervi vi consigliamo di voler visitare:
https://www4.ti.ch/dss/dsp/covid19/home/

Qui un riassuno delle ultime misure emanate dal Consiglio si Stato
Vai al link

Il nostro presidente Paolo Thoma 079 686 95 13 e il nostro Segretario Pierfranco Gabella 079 605 79 85 restano volentieri a vostra disposizione per qualsiasi domanda voleste porre all’AIPCT.

Lettera delle associazioni del settore Svizzero delle pulitrici e dei pulitori di edifici al Consigliere Federale Guy Parmelin

In data 19 marzo, le Associazioni svizzere rappresentanti delle aziende comparto pulizie e facility services, hanno inviato una lettera al Consigliere Federale Guy Parmelin con oggetto:
Pulizia professionale - Indispensabile nella lotta contro il coronavirus.
Richiesta di esenzione per il settore delle imprese di pulizia in caso di coprifuoco.

Chiarimenti per la gestione festività del 19, 20 e 21 marzo 2020

Di seguito specifichiamo la gestione dei giorni festivi del 19, 20, 21 marzo 2020.

I giorni festivi retribuiti sono quelli definiti dal contratto collettivo.

Per quanto concerne il 19, si tratta di un festivo non parificato alla domenica (art. 8.3 CCL) e di conseguenza è un giorno che va fatto recuperare (per i collaboratori a tempo pieno) e che non viene pagato per i collaboratori a stipendio orario (in quanto già nella percentuale applicata).

Il caso del 20 e del 21 non è ancora chiaro (malgrado le sollecitazioni scritte al CS da parte di associazioni padronali e sindacati), se questi giorni saranno parificati a giorni festivi o domenicali lo sapremo nei prossimi mesi. Nel dubbio consigliamo di gestire queste giornate come festivi non parificati poi, avremo la possibilità a posteriori di effettuare le correzioni del caso.

Indennità per lavoro ridotto in seguito a Coronavirus

Per quanto attiene il lavoro ridotto vi rimandiamo alla lettura l’opuscolo redatto dalla segreteria di stato per l’Economia SECO “Informazione per i datori di lavoro Indennità per lavoro ridotto” che trovate al seguente link: https://www4.ti.ch/dfe/de/sdl/servizi/indennita-per-lavoro-ridotto/

In sintesi trovate i punti più importanti che dovrete comunque approfondire singolarmente.

L’indennità per lavoro ridotto potrà presumibilmente essere richiesta perché:

  1. I motivi della riduzione del lavoro sono dovuti a provvedimenti ordinati dalle autorità (blocco delle frontiere | rallentamenti in seguito controlli ecc..) o a circostanze indipendenti dalla volontà del datore di lavoro (clienti che non accettano nei loro stabilimenti frontalieri) – Art. 1 opuscolo informativo
  2. Per ottenere un rimborso le ore di lavoro devono poter essere tracciate – Art. 6 opuscolo informativo
  3. Dirigenti e proprietari di aziende non hanno diritto ad essere rimborsati – Art. 6 opuscolo informativo
  4. Sono esclusi dal rimborso i lavoratori che non accettano l’orario ridotto e che pertanto devono essere pagati come da contratto – Art. 6 opuscolo informativo
  5. Sono esclusi dal rimborso i lavoratori con un rapporto di lavoro a tempo determinato che non può essere regolarmente disdetto - Art. 6 opuscolo informativo
  6. Sono esclusi dal rimborso gli apprendisti - Art. 6 opuscolo informativo
  7. Le ore di lavoro per cui si chiede il rimborso devono essere tracciabili - Art. 7 opuscolo informativo
  8. Una perdita di lavoro è computabile unicamente se per ogni periodo le ore perse raggiungono almeno il 10 % del totale delle ore perse - Art. 8 opuscolo informativo
  9. Se il lavoro ridotto dura più del periodo autorizzato per l’ulteriore periodo va fatta una nuova richiesta almeno 10 giorni prima della scadenza della precedente.

Vista l’emergenza vi comunichiamo che i seguenti documenti potranno essere consegnati in un secondo tempo:
• Modulo «Approvazione del lavoro ridotto», n. 716.315 (i datori di lavoro devono tuttavia confermare per iscritto nel preavviso, che tutti i lavoratori colpito dal lavoro ridotto siano d’accordo con l’introduzione del lavoro ridotto)
• copia dell’estratto del registro di commercio attualmente valido.

L’AIPCT resta comunque a disposizione, per chi fosse interessato, per una consulenza relativa la compilazione dei formulari (che trovate al link sopra indicato) necessari alla richiesta di questa indennità.

Il mercato del pulito

L’espansione di imprese di pulizia e lavanderie industriali. Altro che scopa e ramazza.

Oggi le imprese di pulizia raggiungono livelli professionali e tecnologici altissimi. Con cifre d’affari da capogiro: due miliardi di franchi il fatturato in Svizzera, cento milioni solo in Ticino. Con un mercato in piena espansione. Sempre più aziende infatti affidano a loro un servizio che le distrarrebbe dalla loro attività principale. Tre storie ci racconteranno così il mondo del pulito.

Link completo dell'articolo: https://www.rsi.ch/la1/programmi/informazione/tempi-moderni/Il-mercato-del-pulito-10995827.html

AIPCT
Associazione Ticinese
delle Imprese di Pulizia
e Facility Services

via Cattedrale, 2 - 6900 Lugano

F 091 228 02 19
M 079 666 83 41

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

079 666 83 41

Segui AIPCT